Coronavirus: indicazioni per i lavoratori che operano a contatto con il pubblico

A fronte dell’epidemia del cosiddetto “Coronavirus” in atto in Cina, il Ministero della Salute ha emanato alcune indicazioni che devono attuare i datori di lavoro in merito alla protezione dei lavoratori che operano a contatto con il pubblico.

In particolare vengono riportate:

• indicazioni per la protezione diretta dei lavoratori:

  •   lavarsi frequentemente le mani;
  •   porre attenzione all’igiene delle superfici;
  •   evitare contatti stretti e prolungati con persone presentanti sintomi simili all’influenza;
  •  adottare ogni ulteriore misura di prevenzione dettata dal datore di lavoro;

• le azioni da attuare in caso si venga a contatto con un soggetto sospetto, in attesa dell’arrivo dei sanitari:

  •    evitare contatti ravvicinati con la persona malata;
  •   se possibile, farle indossare una maschera chirurgica;
  •   lavarsi accuratamente le mani e prestare attenzione alle superfici del corpo eventualmente venute a contatto con fluidi corporei;
  •   fare eliminare dal soggetto in un sacchetto impermeabile i fazzoletti utilizzati, che andrà poi smaltito con il materiale utilizzato dai sanitari.

Un soggetto si considera sospetto se:

• presenta un’infezione respiratoria acuta grave non completamente spiegabile con altri tipi di infezioni e rientri in almeno una delle seguenti condizioni:

  •   storia di viaggio o residenza in aree a rischio della Cina, nei 14 giorni precedenti l’insorgenza dei sintomi;
  •  si tratta di un operatore sanitario che ha lavorato in un ambiente dove si stanno curando pazienti con infezioni respiratorie acute gravi con eziologia sconosciuta;

• si tratta di una persona con malattia respiratoria acuta e che presenta almeno una delle seguenti condizioni:

  •   contatto stretto con un caso probabile o confermato di infezione da Coronavirus nei 14 giorni precedenti l’insorgenza dei sintomi;
  •   ha visitato o ha lavorato in un mercato di animali vivi a Wuhan (Cina), nei 14 giorni precedenti l’insorgenza dei sintomi;
  •   ha lavorato o frequentato una struttura sanitaria nei 14 giorni precedenti l’insorgere dei sintomi dove sono stati ricoverati pazienti con infezioni da Coronavirus.

Riferimenti normativi: circolare del Ministero della Salute prot.n.3190 del 3/2/2020

AMBIENTE E SICUREZZA
CONSULTEAM
INTERNAZIONALIZZAZIONE
SISTEMI GESTIONE QUALITA’ ISO
IGIENE ALIMENTARE HACCP

Scopri il sistema CNA

Chi Siamo

CNA Tecno Quality Srl

Sede Legale
Via Umani 1/A - 60131 Ancona

Sede amm.va
V.le Don Minzoni 5/C - 60035 Jesi (AN)

AMMINISTRAZIONE
SEGRETERIA

tecnoquality@an.cna.it | tecnoquality.an@cert.cna.it

tel. 0731/712180 - fax 0731/710782


C.F.- P.IVA e R.I.AN 01577860420
R.E.A. Ancona n. 152804 - Cap.Soc. 26.000,00 i.v.

Powered by

Sixtema Spa