Emergenze Covid-19: nuove misure in vigore dal 10 gennaio 2022

Emergenze Covid-19: nuove misure in vigore dal 10 gennaio 2022

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge (DL n. 229 del 30.12.2021 ) che introduce misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid-19.

Il decreto prevede nuove misure in merito agli ambiti di utilizzo del Green Pass rafforzato e alle quarantene per i vaccinati.

In particolare, dal 10 gennaio e fino alla cessazione dello stato di emergenza si amplia l’uso del Green Pass rafforzato alle seguenti attività:

– alberghi e strutture ricettive;
– feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;
– sagre e fiere;
– centri congressi;
– servizi di ristorazione all’aperto;
– impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici;
– piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto;
– centri culturali, centri sociali e ricreativi per le attività all’aperto.

Il Green Pass rafforzato è necessario, inoltre, per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.

Il Ministero dell’Interno con Circolare  del 4/1/2022 pone l’attenzione sugli aspetti sanzionatori rispetto ai mancati controlli da parte dei titolari delle medesime attività, i quali sono tenuti a verificare che l’accesso avvenga nel rispetto delle norme, continuando a rappresentare, quindi, il primo presidio di controllo. La violazione di questo controllo comporta la sanzione da 400 a 100 euro in caso di recidiva la chiusura dell’attività da 5 a 30 giorni.

In riferimento alla quarantena precauzionale è stabilito che la stessa non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo. Per i predetti soggetti, fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, è fatto obbligo di indossare le mascherine di tipo FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso. Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.

Infine, con riferimento alle capienze, è previsto che saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.
AMBIENTE E SICUREZZA
CONSULTEAM
INTERNAZIONALIZZAZIONE
SISTEMI GESTIONE QUALITA’ ISO
IGIENE ALIMENTARE HACCP

Scopri il sistema CNA

Chi Siamo

CNA Tecno Quality Srl

Sede Legale e amministrativa V.le Don Minzoni 5/C - 60035 Jesi (AN)

AMMINISTRAZIONE
SEGRETERIA

tecnoquality@an.cna.it | tecnoquality.an@cert.cna.it

tel. 0731/712180 - fax 0731/710782


C.F.- P.IVA e R.I.AN 01577860420
R.E.A. Ancona n. 152804 - Cap.Soc. 26.000,00 i.v.

Powered by

Sixtema Spa

Emergenze Covid-19: nuove misure in vigore dal 10 gennaio 2022

tempo di lettura: 2 min
X